Navigare in una Pandemia

Monteverde e la tempesta Covid-19: ecco come l’abbiamo affrontata

9 marzo 2020

 

Tutta l’Italia, all’improvviso, si ritrova in balia di una tempesta mai sperimentata prima: il nuovo Coronavirus blocca il Paese. La pandemia impatta sulle nostre vite, ci costringe all’isolamento forzato in casa, stravolge certezze, ritmi, abitudini, ci sottrae gli affetti. Anche la nostra cooperativa deve ripensarsi, in pochissimo tempo e in un contesto di grande incertezza. Ma con un faro sempre acceso nella tempesta: esserci, per dare risposte alle persone che contano su di noi.

Smart working
Smart working
Smart working

Lontani, ma vicini

 

Le misure anti-contagio rendono impossibile fare attività come prima. Tutta la cooperativa si mobilita per ripensare a come erogare i servizi: ci si attrezza con videochiamate, attività da remoto e, dove possibile, interventi domiciliari. Tra le tante fatiche dei primi mesi di lockdown emerge chiaro il valore della cooperazione e la forza di essere una realtà affiatata. A marzo e aprile nessuno sa come andranno a finire le cose: la paura per l’epidemia rischia di bloccare tutto. Monteverde però non si ferma: sono due mesi frenetici, fatti di lacrime e sorrisi, e di speranza di tornare presto a una nuova normalità.

 

Pasqua, 12 aprile 2020

 

Quest’anno gli auguri ce li siamo fatti così, con un abbraccio virtuale. Una catena umana per ricordarci che nessuno di noi, pur nell’isolamento imposto dalla crisi sanitaria, può fare a meno degli altri… E allora, eccoci qua, di nuovo insieme!

Play Video

I videomessaggi del presidente

 

Nei momenti difficili ci hanno pensato le parole di incoraggiamento del presidente della nostra cooperativa, Giovanni Soriato, a non far smarrire la speranza di uscire dalla tempesta. La forza calma della sua voce è stata un invito a prepararci alla ripartenza dei servizi: un obiettivo grande, reso però possibile dal contributo di tutti, educatori, operatori, utenti e familiari. Ancora una volta insieme!

pagina 1
pagina 2

Ci siamo tenuti in contatto in tutti i modi possibili

 

Oltre ai videomessaggi, alle telefonate e ai collegamenti via Skype o Whatsapp, abbiamo tenuto aggiornati soci lavoratori, utenti e familiari sulle novità e sugli aggiornamenti della situazione. Anche quando lo scenario normativo era in continuo cambiamento e non erano chiare le modalità con cui saremo tornati a operare…

Play Video
Play Video
Play Video

Andrà tutto bene!

 

Questa frase è circolata moltissimo durante la quarantena: noi abbiamo chiesto a operatori, utenti e soci della cooperativa di renderla visibile, lasciandoci dei messaggi come questi, dei nostri amici Gabriele, Andrea e Giulia.

gruppo2
gruppo1
scrivanie

Sempre connessi!

 

Ci siamo adattati all’utilizzo delle tecnologie, che abbiamo sfruttato per fare attività e per progettare i servizi nella “fase 2”, quella della ripresa graduale.

Abbiamo aiutato le famiglie a vivere il cambiamento e a pensare insieme al “dopo”

 

Con questi manuali realizzati dalle dottoresse Alice Scala e Diletta Mazzocco, psicologhe e psicoterapeute della cooperativa, abbiamo donato gratuitamente alla comunità delle “guide di sopravvivenza”, fornendo degli spunti pratici per superare le difficoltà legate alla pandemia.

E poi ci siamo preparati a riaprire le nostre sedi…

Insieme a Sanificazioni – G.P. Impianti di Giuliano Perlati abbiamo sanificato gli ambienti tramite la vaporizzazione di tamponato di cloro. Un’operazione importante per la cooperativa che ogni giorno accoglie molte persone!

Ultimi test e…

 

A giugno, dopo numerosi incontri per adeguare le strutture e per rifornire la cooperativa delle mascherine e degli altri dispositivi di sicurezza, abbiamo finalmente potuto riaprire i servizi nelle nostre sedi. Prima abbiamo dovuto formare adeguatamente il personale, che è stato sottoposto a test sierologico (garantendo un monitoraggio periodico nei mesi successivi attraverso il test del tampone nasofaringeo), incluso lo screening iniziale degli utenti dei centri diurni. Tutto questo per tutelare la salute di ospiti e operatori.

Centro Diurno

Giugno 2020: finalmente eccoci di nuovo vicini!

 

Con tutte le accortezze imposte dai protocolli sanitari e le difficoltà che una pandemia mondiale comporta, ma sorridenti sotto le mascherine!

Il tuo biglietto della Lotteria 2020 per #RipartireInsieme 

 

La finalità del progetto Per#RipartireInsieme è quella di sostenere la ripartenza delle attività sia presso i Centri Diurni che attraverso forme di domiciliarità o forme di accesso online. Dopo essere stati messi tutti alla prova ora è il tempo di risollevarci e tornare a programmare i nostri sogni, trasformando le difficoltà in opportunità. Dobbiamo e vogliamo ripartire tenendo presente che la socializzazione è un aspetto fondamentale per la vita di tutti ma in particolare per i progetti socio-sanitari-educativi rivolti alle persone con fragilità e alle loro famiglie. 

La ripartenza sarà complessa e onerosa sotto tutti i punti di vista e oggi più che mai Monteverde ha bisogno della partecipazione dei propri soci e collaboratori, delle istituzioni, delle imprese e di tutta la Comunità.

Mai come ora il tuo biglietto della “Lotteria Monteverde 2020” è indispensabile per permettere questo viaggio e dare concretezza alle progettualità che faranno ripartire l’intero Territorio di cui Monteverde è parte attiva.

Estrazione il giorno 4 dicembre 2020, ore 10.30 in Via Conca delle Perle, 1 – Badia Calavena (VR), anche tramite diretta su Facebook alla pagina Monteverde Onlus.

I numeri vincenti saranno esposti qui, sul nostro sito, ed i premi saranno disponibili dal giorno successivo all’estrazione.

Per informazioni: 339 726 8201, dalle 9.00 alle 16.00, dal Lunedì al Venerdì.

 

Visita la pagina dedicata alla Lotteria 2020

 

12comunità
8ambiente
11cura
3cultura

#PerRipartireInsieme adesso ci serve l’aiuto di tutta la comunità!

 

Con la lotteria 2020 e il 5×1000 anche tu puoi far parte dei progetti di Monteverde, incentrati sulla sostenibilità e quindi caratterizzati da una ricaduta concreta sul territorio. Grazie!

Noi crediamo che ognuno abbia il diritto di esprimere se stesso e le proprie potenzialità. E tu?

Facebook

YouTube